Truffacoin:Onecoin non è più scambiabile contro Euro

Questo articolo è la parte 6 di 6 nella serie Onecoin

 

truffacoin Un ringraziamento per questo articolo va allo Staff di truffacoin.com che si è dedicato alla stesura. E’ il capitolo finale della serie “ONECOIN” ma, possiamo starne certi, nasceranno a breve nuove raccapriccianti truffe (magari dalle ceneri di onecoin).

 
Tutti gli Onecoiner hanno commentato positivamente l’annuncio di Ruja Ignatova che Onecoin sarà quotata in Borsa.

La cosa di cui quasi nessuno si è resio conto è che allo stesso tempo Ruja ha anche annunciato che gli Onecoin non saranno più scambiabili contro Euro.

Difatti, Ruja Ignatova ha annunciato che il sito di scambio (xcoinx.com) viene chiuso e che gli affiliati potranno decidere se convertire gli onecoin in azioni della nuova ditta o se usarli come buoni sconto su un nuovo marketplace, dealshaker.com

In nessun modo sarà mai più possibile convertire gli Onecoin in Euro.

Ci sembra quindi corretto dire che gli Onecoin d’ora in avanti smettono di essere una valuta.

Ma analizziamo in dettaglio le due opzioni offerte a chi è rimasti fregato dentro a Onecoin:

 

Opzione 1: Convertire gli onecoin in azioni

Il video in cui Ruja dà questa opportunità è questo:

e a 4:20 potete saltare alla parte importante:

You will be able to exchange these onecoins into so-called OFCs.

And OFC is a future certificate that entitles to receive shares in the company Onecoin

Quindi: potrete scambiare gli Onecoin contro certificati che in futuro vi daranno azioni della ditta che deve ancora nascere.

La possibilità di scambiare crediti degli affiliati contro azioni di una ditta è un meccanismo che Ruja conosce bene.

Infatti, a gennaio 2016 Onecoin ha incorporato The Opportunity Network (OPN-Sitetalk) uno schema MLM in decadenza ma ancora con molti affiliati.

Questo era l’annuncio:
https://www.businessforhome.org/2016/01/onecoin-welcomes-network-marketing-company-opn-sitetalk/

OPN Ha fatto esattamente la stessa manovra, dando ai propri affiliati la possibilità di convertire il loro credito in azioni di una ditta quotata in borsa (in questo caso a Cipro), la Global Digital Services Plc. Le tracce in rete della cosa sono praticamente scomparse, ma come sia andata a finire è piuttosto chiaro:

Le azioni della Global Digital Services, che gli affiliati avevano l’opportunità di comprare a 1 dollaro, appena quotate in borsa sono subito scese a 54 centesimi, per poi crollare praticamente a zero, e adesso non valgono più nulla. L’ultima volta che è avvenuto uno scambio, un mese fa, è stato al prezzo di 2 centesimi: da allora nessuno ha più voluto comprarle.

http://www.stockwatch.com.cy/nqcontent.cfm?a_name=qandr&code=STC&compcode=>=MAX&s_3=-1&lang=en

Quindi, le prospettive per coloro che decideranno di convertire gli Onecoin in azioni non sono rosee.

 

Opzione 2: Riversare i loro Onecoin in dealshaker.com

Dealshaker sarebbe la nuova piattaforma merchant basata su Onecoin.

La piattaforma viene annunciata in quest’altro video:

I merchant potranno vendere le loro merci decidendo di far pagare ciascun articolo in un mix di Euro o Onecoin, purché almeno il 50% di ciascuna vendita sia in Onecoin.

Gli utenti finali possono quindi usare i loro Onecoin per comprare su dealshaker, solo se allo stesso momento spendono anche Euro. In pratica, useranno gli Onecoin come una specie di coupon, o buono sconto.

Piccolo dettaglio: la commissione per vendere su su dealshaker è del 25% di ogni vendita (in Euro), quindi quanti venditori saranno disposti a vendere su dealshaker resta da vedere.

La cosa si fa ancora più problematica se si considera che i merchant, per vendere su dealshaker, sono obbligati a incassare almeno il 50% in Onecoin: cosa faranno a loro volta i merchant con questi Onecoin, visto che non possono essere spesi altro che su dealshaker? Con cosa pagheranno i loro fornitori?

Sembra quindi che anche questa opzione non sia molto promettente per gli affiliati Onecoin: potranno spendere gli Onecoin sono se spendono altri Euro, e solo su un market dove probabilmente le offerte saranno piuttosto limitate.

 

Nessun happy end

Ambedue le prospettive sono poco rosee…

Nessun happy end, tranne che per Ruja Ignatova, che potrà dire “Io vi ho fatto scegliere se diventare azionisti della mia ditta, o se usare gli Onecoin nel mio market…. Se poi ambedue sono andati male, beh, che ci posso fare?”

Nel frattempo i soldi versati dagli affiliati sono spariti verso banche in paesi lontani, e rigirati verso conti ancora più lontani dove nessuno li toccherà mai.

Spiace dirlo, ma coloro che speravano di accumulare facili ricchezze con Onecoin sono destinati a restare delusi.

Scusate se ci permettiamo di dirlo, ma noi di truffacoin.com vi stavamo avvertendo da mesi, ancora prima che l’Autorità Garante lo dichiarasse ufficialmente.

Se volete tenervi aggiornati su tutte le altre pseudo-criptovalute con marketing piramidale simili a Onecoin (Coinspace, Swisscoin, HabCoin ecc.) visitate www.truffacoin.com

 

Navigazione multiarticolo<< AGCM SOSPENDE ONECOIN IN VIA CAUTELARE
Avatar

Mirko Feriotti aka Ziomik

Profeta del Bitcoin sin dagli esordi e fermamente convinto sulle potenzialità della moneta decentralizzata.

Non perdere i nuovi articoli e le opportunità sulle criptovalute. Iscriviti alla newsletter!
Iscrizione