Stablecoin, Facebook e la sua merda di Libra

Da qualche settimana i quotidiani storici, blog e cazzari del web ci informano(??) che è in arrivo una nuova crittovaluta che spaccherà il mondo: Il zucchino di Facebook ci presenta LIBRA. Ma iniziamo con ordine:

Cosa è una crittovaluta?

Nonostante le crittovalute siano ormai conosciute da diversi anni pare che giornalisti e famosi professionisti della blockchain si siano dimenticati dei principi FONDAMENTALI per i quali una moneta digitale elttronica possa vantasi d’essere chiamata crittovaluta, criptovaluta, cryptovaluta o banalmente crypto.

PRINCIPI FONDAMENTALI

  • Essere decentralizzata
  • Basata sui principi della crittografia
  • Consente di essere spesa

Cosa è una Stablecoin?

Un esempio di Stablecoin è USDC di Circle diffuso principalmente dall’exchange Poloniex acquisito dalla medesima società (di cui fa parte anche Goldman Sachs) qualche anno fa. USDC segue il valore del dollaro americano e attualmente è stato accolto anche su Coinbase e Binance. USDCoin  non può essere definito una crittovaluta in quanto si basa su Ethereum e quindi è di fatto un token digitale. Questo ovviamente non significa che una stablecoin per forza debba essere sviluppata su piattaforma Ethereum.
I vantaggi di una Stablecoin piuttosto che una valuta FIAT sono principalmente quelli che hanno una crittovaluta e cioè trasparenza, sicurezza, immutabilità, portafogli digitali, transazioni veloci, tariffe basse e privacy. Un’altro vantaggio è quello di permettere a servizi d’exchange d’operare senza necessariamente utilizzare valuta FIAT e, quindi, rende meno problematico(a livello burocratico) l’avvio di tali realtà.
Direi che è possibile definire una Stablecoin l’evoluzione del complesso sistema informatico che attualmente gestisce lo scambio monetario di una carta di credito(gestito principalmente dalla società MasterCard Incorporated(di proprietà di oltre 25.000 istituti finanziari) e Visa Inc.(joint venture di 21.000 istituzioni finanziarie). Nulla di piu’.
Una stablecoin non può essere considerata una crittovaluta in quanto la sua immissione è legata a decisioni del suo creatore e, nel caso di USDC, se Circle non avrà piu’ “DENARO VERO” per coprire il cambio, i detentori di USDC avranno solo la possibilità di cambiarla con crittovalute tipo BTC,ZEC,LTC etc..(sempre che ci siano compratori disponibili)

Cosa è Libra?

Libra non è una crittovaluta ma è una stablecoin creata dall’impresa Facebook Inc e finanziata da Mastercard, Visa e PayPal, oltre a gruppi retail e tecnologici come Booking, Uber, Iliad e Vodafone che avrà luce a breve e, essendo una stablecoin, avrà un valore stabile basato su un insieme di monete FIAT. Libra in modo silenzioso permetterà ai colossi di entrare nel mondo delle crittovalute e di creare confusione alle persone meno accorte. Avete capito cosa hanno in mente? Vi è ora tutto piu’ chiaro? Bitcoin in primis doveva distruggere quello che è diventato il sistema economico(in mano a banche e multinazionali) e invece gli ha offerto strumenti(senza colpe) tramite i quali potranno aumentare maggiormente il loro potere economico.
LibraWhitePaper: Download
Lascia un commento