Resto delle transazioni bitcoin

Tempo di lettura:2 minuti

Il resto delle transazioni è da sempre un problema per chi ha a che fare con bitcoin. Cerchiamo di capire perchè esistono e perchè possono diventare un grosso problema.

Perchè un grosso problema? Semplicemente perchè, se non ne avete tenuto conto, avete la reale possibilità di perdere i vostri bitcoin.

Il resto delle transazioni principalmente è necessario per assicurare ulteriormente la vostra privacy. Facciamo un esempio: Mettiamo che per sentirvi più sicuri avete utilizzato un indirizzo cartaceo (magari seguendo la guida a questo link) e supponiamo che nel tempo avete raggiunto la cifra di 10 bitcoin. Ora vi trovate nella situazione di voler spendere 2 bitcoin per acquistare un nuovo computer e, quindi, dovete rendere fruibile l’indirizzo bitcoin cartaceo. Per farlo dovete importate la chiave privata in qualche software che gestisca l’importazione della chiave segreta corrispondente all’indirizzo pubblico. Utilizzate, diciamo, Electrum e da esso inviate 2 bitcoin all’indirizzo indicato dal fornitore del notebook. Tutto procede bene, il computer vi arriva a casa e siete felici della vostra spesa. Tanto felici che formattate il vecchio computer che avete usato fino a quel momento e lo vendete su Ebay.  Iniziate ad utilizzare il nuovo arrivato e  passano i mesi; un giorno, vedendo che i bitcoin hanno toccato i 2000 euro, decidete di importare nuovamente la vostra chiave privata per vendere alcuni preziosi bitcoin su un exchange. Scaricate nuovamente Electrum e importate, come fatto mesi fa, la chiave privata. Ma, aimè, il saldo è a ZERO! Cosa è successo? Monitorando l’indirizzo pubblico notate che il giorno d’acquisto del notebook sono stati trasferiti, oltre che i 2 bitcoin che sapevate di spendere, altri 8 bitcoin a un indirizzo a voi sconosciuto. Ebbene si, avete perso 8 bitcoin in quanto, quando avete fatto la spesa del notebook, il programma Electrum ha inviato il resto in un nuovo indirizzo e, questo nuovo indirizzo, sarebbe visibile e usufruibile direttamente nel programma che ingenuamente avete cancellato formattando la macchina che avete venduto su Ebay.

Immaginate d’andare ad acquistare il pane ma, bensì pagare con la quantità di denaro che decidete sia opportuno per l’acquisto che state per effettuare, siete obbligati a consegnare tutto quello che avete all’interno del vostro portafoglio e decidere se rivolete il resto sul vostro portafoglio che avete appena usato oppure ricevere il resto su un nuovo portafoglio. Voi avete scelto un nuovo portafoglio ma lo avete lasciato sul bancone del negoziante perdendolo esso e il suo contenuto in modo definitivo. Ogni software gestisce il resto come meglio crede e siete voi che dovete stare attenti e sicuri di quello che fate. Per evitare che ciò possa accadere dovete capire come il software da voi utilizzato implementa la gestione dei resti. Sapendo come opera avete la possibilità di decidere quale sia quello che fa al caso vostro.

Avatar

Mirko Feriotti aka Ziomik

Profeta del Bitcoin sin dagli esordi e fermamente convinto sulle potenzialità della moneta decentralizzata.

2 pensieri riguardo “Resto delle transazioni bitcoin

  • 1 febbraio 2016 in 19:51
    Permalink

    Grazie! Sono sempre molto utili i tuoi articoli. Non ero a conoscenza di questo problema!

  • Avatar
    1 agosto 2017 in 18:19
    Permalink

    In questo momento è stato trovato il primo blocco Bitcoin Cash!
    Ora vediamo come reagisce il mercato

  • 1 agosto 2017 in 18:24
    Permalink

    Ottimo! Che consigli di usare come client?


Accedi per lasciare un commento

Non perdere i nuovi articoli e le opportunità sulle criptovalute. Iscriviti alla newsletter!
Iscrizione
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com