OpenBazaar un anno dopo

Tempo di lettura:2 minuti

Dopo quasi un anno dall’ultimo articolo riguardante OpenBazaar vediamo come proseguono i lavori.

OpenBazaar 2

E’ si, dopo un anno siamo passati alla versione 2. Gli sviluppatori, con un 2, vogliono marcare per bene che di passi avanti ne sono stati fatti.. e parecchi.

 

In questo momento l’ultima versione è la 2.1.1 e le modifiche più importanti sono:

  • Negozi offline
    • Poiché questa nuova versione è basata su IPFS, gli store OpenBazaar possono ora essere accessibili agli acquirenti anche quando sono offline. I negozi e i prodotti al suo interno possono ora essere ri-seminati da altri utenti di OpenBazaar, il che significa che se un negozio è seminato, gli acquirenti possono acquistare i loro elenchi anche se sono offline.

Questo significa che, rispetto alla versione precedente, una volta inserito i nostri prodotti e atteso un po di tempo(in modo da “seminare” ad altri utenti connessi alla rete) non sarà più necessario lasciare il computer acceso. Questo era uno dei maggiori problemi che personalmente mi aveva un po demoralizzato e costretto all’abbandono.

 

 

  • Ricerca

I provider di ricerca di terze parti sono ora accessibili dall’interno del client. I risultati di ricerca sono molto più veloci e accurati rispetto a prima.

Precedentemente si doveva utilizzare un motore di ricerca di terze parti per sfogliare all’interno del market. Ora non è più necessario in quanto all’interno del software c’è un comodo motore di ricerca personalizzabile dove ricercare i prodotti di nostro interesse.

 

Finanziamento di 5 milioni di dollari

Martedì 13 marzo OB1(la società che ha sviluppato OpenBazaar) ha raccolto 5 milioni di dollari d’investimento. I principali investitori sono stati Omers Ventures e Bitmain Technologies

Ricordiamo che negli ultimi anni sono stati investiti nel progetto più di 4 milioni di dollari in venture capital e, tramite questi nuovi fondi, gli sviluppatori si concentreranno a delle versioni mobile oltre alla possibilità di fornire acquisto e vendita di crittovalute direttamente all’interno del sistema. Gli sviluppatori ricordano che Openbazzar ha come obiettivo l’impegno di creare un e-commerce libero, equo, open e indipendente.

Note:

Con OpenBazaar installato potrete visitare lo store di Ziomik cliccando il link sottostante:

ob://Qmbh95GgLueUusSgm4tUhHFEZA6hNuB8yYAgzi1FCDQX2G/store

 

Avatar

Mirko Feriotti aka Ziomik

Profeta del Bitcoin sin dagli esordi e fermamente convinto sulle potenzialità della moneta decentralizzata.

Un pensiero riguardo “OpenBazaar un anno dopo


Accedi per lasciare un commento

Non perdere i nuovi articoli e le opportunità sulle criptovalute. Iscriviti alla newsletter!
Iscrizione
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com