Onecoin non è una criptovaluta

Questo articolo è la parte 4 di 7 nella serie Onecoin

 

Onecoin non è una criptovaluta e non è solo quello che penso io ma quello che pensano la maggior parte delle persone che sono interessate alle criptovalute, ma iniziamo da zero.

Che cosa è una criptovaluta?

Una criptovaluta è una moneta digitale che si basa su alcuni principi sacrosanti: 

  • essere decentralizzata
  • basata sui principi della crittografia
  • consente di essere spesa

 

Onecoin è una criptovaluta?

No. Onecoin non è una criptovaluta in quanto:

  • Onecoin non è decentralizzato. La sua esistenza è basata principalmente su acquisti di pacchetti
  • Onecoin non può essere speso. Non è accettato da nessuno exchange

 

Bitcoin.com si espone

Roger Ver Re-Echos è il proprietario di bitcoin.com e sul sito espone le qualità e caratteristiche di bitcoin anche grazie a un forum di discussione. Pochi giorni fa, in una intervista su Cointelegraph, si è esposto sulla questione Onecoin affermando la sua convinzione che l’intero sistema di business ONECOIN è palesemente una FRODE.

 

Perchè Onecoin rovina l’immagine delle criptovalute?

criptovalutePer rispondere a questa domanda vi espongo Bitcoin in quanto è una criptovaluta accettata da milioni di aziende e persone in tutto il mondo. Essa è l’unica criptovaluta che può vantarsi di essere tale in quanto prima che ricevesse un valore sono passati diversi anni. Il suo valore da nulla è passato al valore attuale che supera i seicento euro; Questo valore non è stato dettato da nessuno ma è stato creato dalla massa di persone che hanno percepito la potenzialità della decentralizzazione e hanno desiderato farne parte. Questo ha fatto si che alcuni dei possessori decidessero di venderne una loro parte; in questo modo il prezzo è cresciuto in modo esponenziale.

Molti non sanno nemmeno dell’esistenza di bitcoin visto che non esistono persone disposte a creare seminari per diffonderne il verbo; Nessuno sprecherebbe del denaro e dedicherebbe tempo per spiegarne caratteristiche e potenzialità. Al massimo ci sono meeting gratuiti dove ci si ritrova con appassionati e, in amicizia, di parla di sviluppi e novità tecnologiche. Nulla a che vedere a ONECOIN che viene sponsorizzato da persone coinvolte economicamente all’interno di eventi con un unico scopo: la vendita di pacchetti. Come biasimarli? Loro stessi hanno speso del denaro e desiderano averne un ritorno.

Ora provate a immaginare cosa potrebbero pensare le persone che, una volta usciti dal seminario con il portafoglio più leggero, scoprono in modo tardivo che ONECOIN non è una moneta decentralizzata, non è una ciptovaluta e sopratutto NON PUO’ ESSERE SPESO. E’ si, penseranno che le criptovalute sono degli imbrogli e non vorranno più averne a che fare.

 

Conclusioni

micropagamentiBitcoin non è una truffa ma un perfetto e ottimo sistema per effettuare micropagamenti. Chi cerca sistemi per guadagnare ne dovrebbe stare alla larga almeno che non sia intenzionato a rischiare proprio come fanno chi gioca in borsa. Infatti la domanda e l’offerta di bitcoin, ne determina il valore. Non è una società. Nessuno ne vende pacchetti. Esiste perchè c’è e perchè la comunità mondiale lo desidera. Diffidate di Onecoin e tutti i suoi derivati attuali e futuri come, per esempio Coinspace.

 

Navigazione multiarticolo<< Onecoin, una lezione per tuttiAGCM SOSPENDE ONECOIN IN VIA CAUTELARE >>