LA POLIZIA LOCALE A COSA SERVE?

Tempo di lettura:2 minuti

 

A rompere i coglioni, ecco cosa.
La polizia locale opera ispezioni.
Nella mia modesta osservazione di abitante della pianura padana, annus domini 2016, li ho visti compiere le seguenti azioni:
– multare un vecchio che si stava facendo una grigliata in taverna, nel mese di aprile, perché il suo dispositivo di combustione, vale a dire un comune camino, non rispettava le prescrizioni calorimetriche della legge regionale: la sanzione: uno stipendio mensile di un impiegato dell’industria privata.
– accedere ai locali commerciali dove si pratica il più pacifico commercio, contestando la mancanza di licenze e di comunicazioni preventive.
– accedere a locali dove si pratica la pacifica industria per contestare la difformità dei dispositivi ai codicilli di amministrazione.
La funzione che svolge per i comuni cittadini:
– incularli per il divieto di sosta;
– cacciarli come leprotti sulle strade con gli autovelox, le porte a telecamera, i rilevatori di velocità.
– notificare atti vessatori, quali multe, cartelle, avvisi di accertamento, verbali di contestazione e notificazione.
In ultima analisi, osservando spassionatamente la loro attività: lo stiamo prendendo in culo.
Non ha senso.
E’ contro l’interesse del cittadino sostenere la polizia locale.
Nell’interesse di chi opera la polizia locale?
A favore delle casse comunali e contro i cittadini.
Pertanto la polizia locale deve essere abrogata, abolita, estirpata.
Essa non svolge alcuna utile funzione.
O meglio: la funzione della polizia locale è pagarsi lo stipendio.
Esaminiamo: la polizia locale è un corpo cittadino, pagato con le tasse cittadine.
Quindi: deve fare l’interesse dei cittadini.
Ma qualora i cittadini constatino che i propri interessi non sono serviti, ma bensì oppressi, limitati, impediti ed intralciati dalle condotte del corpo di polizia, cosa ne dovrebbero concludere.
Nessuno vuole pagare qualcuno perché gli venga a rompere i coglioni.
E’ un fatto elementare.

Post scriptum
Il vecchio della grigliata è morto serenamente e la multa non l’ha mai pagata.
Gli ispezionati ancora lavorano, e la multa non l’hanno mai pagata.
I cittadini ricevono le notificazioni e le buttano nel cesso.
E questo è quanto.

 

retro

ANONIMO

Io sono tutti e nessuno. Quello che scrivo è il pensiero del popolo. A te, lettore, l'ingrato compito di leggere i miei scritti. Potrà essere piacevole, potrà essere arrogante, potrà essere scomodo o ai confini della decenza ma è QUELLO CHE PENSO!

Questo articolo viene pubblicato senza censura e rispettando la privacy del suo creatore. Chiunque può pubblicare, in forma anonima, un articolo cliccando sul tab "Invia un articolo anonimo" visibile in altro su questa pagina. Il blog e il suo creatore non sono responsabili per quello che viene pubblicato in quanto si limitano a concretizzare il diritto riconosciuto negli ordinamenti democratici ossia i fondamenti della Costituzione, che disciplinano la libertà di manifestare il proprio pensiero, in particolare l'articolo 21 della Costituzione italiana (http://aabbcc.it/articolo-21)


Accedi per lasciare un commento

Non perdere i nuovi articoli e le opportunità sulle criptovalute. Iscriviti alla newsletter!
Iscrizione
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com