Che cosa è un indirizzo bitcoin?

Tempo di lettura:2 minuti

 

Per quanto questa domanda possa apparentemente essere semplice, non lo è affatto. Un indirizzo bitcoin è da considerarsi come un iban bancario ma, rispetto all’iban, non viene creato da nessuno ma è generato da una formula matematica. Tutti gli indirizzi bitcoin già esistono. Chi ne possiede uno sta semplicemente utilizzandolo in quanto ne ha accesso tramite la chiave privata.

 

Cercherò d’essere più chiaro e semplice possibile ma considerate che non sono ne un matematico ne un crittografo. L’articolo è utile per una prima conoscenza. Nel caso si volesse approfondire l’argomento vi consiglio di iniziare a leggere https://en.bitcoin.it/wiki/Address

Un indirizzo bitcoin è composto da un insieme di caratteri alfanumerici. L’ insieme corretto di questi caratteri (grazie alla codifica Base58) rappresenta un indirizzo bitcoin e, quindi, una possibile destinazione per un invio di bitcoin. Un indirizzo bitcon è un hash di 160 bit della parte pubblica di una coppia di chiavi pubblica/privata che sfruttano l’algoritmo di cifratura ECDSA(Elliptic Curve Digital Signature Algorithm).

Base58 permette di codificare il risultato con caratteri alfanumerici facilmente distinguibili eliminando lo zero, la lettera “O” maiuscola, la elle minuscola (l) e la “I” maiuscola. Alla fine così avremo le restanti: “123456789abcdefghijkmnopqrstuvwxyzABCDEFGHJKLMNPQRSTUVWXYZ”. Perchè mai fare questo vi chiederete.. Semplicemente perchè così si evita confusione tra caratteri simili (lo zero potrebbe sembrare una O e la elle minuscola una i maiuscola).

La chiave pubblica, generalmente, viene creata utilizzando una chiave privata. Il contrario è “utile” per crearsi un indirizzo pubblico personalizzato utilizzando il cracking. Questo processo è molto laborioso e i computer attuali riescono al massimo a creare i primi 6-7 caratteri (ed è giusto così altrimenti chiunque potrebbe generarsi una chiave privata del nostro indirizzo e sottrarci bitcoin). Nel tempo è stato anche creato un programma chiamato vanitygen.

Ogni indirizzo bitcoin è una chiave pubblica ed è questo valore che va consegnato a chi deve effettuarvi un invio di bitcoin. Ad ogni chiave pubblica corrisponde una o più chiavi private(tecnicamente è possibile che ci siano più chiavi private per lo stesso indirizzo ma le possibilità che questo accada sono estremamente improbabili e statisticamente quasi impossibile). Essa vi permetterà di mettere mano all’indirizzo pubblico ed è da considerarsi come una password . L’indirizzo privato(private key), all’interno dei client software, generalmente non viene nemmeno citato ma viene preservata spesso criptato da una eventuale password che vi ha chiesto al momento della creazione/installazione.

Per capire quanto sia semplice creare un indirizzo bitcoin potete recarvi su questo sito https://www.bitaddress.org. Appena caricata la pagina vi verrà chiesto di muovere il mouse. Questa operazione servirà per la generazione di numeri casuali che renderà possibile la creazione di una chiave pubblica(indirizzo bitcoin) e una chiave privata. Il sito permette anche di stampare il risultato per una eventuale conservazione.  Su Github trovate il codice sorgente; potete scaricarlo e ,per una maggiore sicurezza nel caso voleste utilizzare l’indirizzo, vi consiglio di utilizzarlo su un computer sicuro(esente da virus,keylogger e offline).

 

Avatar

Mirko Feriotti aka Ziomik

Profeta del Bitcoin sin dagli esordi e fermamente convinto sulle potenzialità della moneta decentralizzata.


Accedi per lasciare un commento

Non perdere i nuovi articoli e le opportunità sulle criptovalute. Iscriviti alla newsletter!
Iscrizione
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com